Virtual Homeland

Community italiana sul mondo dei videogames, anime&manga, musica e molto altro!
 
IndiceFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 The Flags of Our Fathers

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
WraithLord

avatar

Numero di messaggi : 253
Data d'iscrizione : 28.11.07

MessaggioTitolo: The Flags of Our Fathers   Ven Mar 28, 2008 11:46 pm

Flags of Our Fathers è un film del 2006 diretto da Clint Eastwood e scritto da William Broyles Jr e Paul Haggis. E\' basato sull\'omonimo libro scritto da James Bradley e Ron Powes sui fatti inerenti alla Battaglia di Iwo Jima. Eastwood ha anche diretto un film complementare sulla stessa battaglia, che però ritrae il punto di vista giapponese, intitolato Lettere da Iwo Jima. Il film è uscito nelle sale italiane il 10 novembre 2006, in quelle giapponesi il 9 dicembre e infine in quelle americane il 20 dicembre.

Il film narra la storia di come i tre dei sei soldati che son stati fotografati mentre innalzavano la bandiera americana sul suolo di Iwo Jima sono stati usati come mezzo propagandistico per risollevare il morale del popolo americano e quindi usati per raccimolare più donazioni. Il film fa vedere anche l\'effetto della guerra sui veterani e di come loro hanno sofferto per tutta la vita ricordando la guerra.

Una delle più famose fotografie della storia fu scattata da Joe Rosenthal nella battaglia di Iwo Jima, durante la Seconda Guerra Mondiale. L\'immagine ritrae cinque Marine e un marinaio intenti a innalzare la bandiera americana sul Monte Suribachi.

Lo scrittore James Bradley (Thomas McCarthy) sapeve che suo padre, John “Doc” Bradley era un soldato della Seconda Guerra Mondiale e che era uno degli uomini che aveva sollevato la bandiera americana nella foto icona di Iwo Jima, e aveva anche sentito per lungo tempo delle voci che dicevano che “Doc” era stato una sorta di eroe di guerra. Ma suo padre non aveva mai voluto parlare della sua esperienza di guerra, non aveva mai tenuto una copia della foto e aveva sempre rifiutato di rispondere alle domande che gli ponevano. Solo dopo la morte di John Bradley, James scoprì che il padre aveva ricevuto una stella al valore militare. Questa scoperta porta James a cercare gli altri uomini che sollevarono la bandiera per chiedergli cosa realmente successe

James Bradley constata che molte delle cose che il mondo crede di sapere sulla foto e sulla battaglia sono sbagliate. La maggior parte degli americani crede che la bandiera fu innalzata alla fine della battaglia, dopo che la marina sconfisse i giapponesi, ma in realtà la bandiera fu sollevata solo il quinto dei trentacinque giorni di battaglia.

Iwo Jima era strategicamente importante: fungeva da base aerea per i giapponesi che intercettavano i bombardieri a lungo raggio B-29 e da oasi per le unità navali giapponesi che avevano bisogno di supporto. Era anche il sito della stazione radio che avvertiva il Giappone dell\'arrivo delle bombe americane dal sud. La presa di Iwo Jima voleva eliminare questi problemi e fungere da base per eventuali invasioni del territorio principale giapponese. Tutte ragioni che indussero i marines a tentare di invadere l\'isola.

La battaglia di Iwo Jima fu la prima battaglia della Seconda Guerra Mondiale che si tenne sul suolo giapponese. I giapponesi non avevano speranze di vittoria, e ne erano consapevoli. Tutto quello che volevano era infliggere un duro colpo agli invasori, e loro sapevano come poterlo fare. Le forze giapponesi costruirono una grande rete di tunnel nel sottosuolo dell\'isola, da cui poterono sparare ai Marines stando al riparo, nelle loro posizioni fortificate. Loro volevano anche essere veloci, effettuare saguinosi attacchi ai marines isolati e quindi retrocedere in tutta sicurezza nei loro tunnel. I Marines americani di Iwo Jima si trovarono quindi a combattere un nemico che raramente potevano vedere. L\'unica via per vincere i giapponesi era localizzare le entrate dei tunnel e quindi lentamente, con un lavoro meticoloso, farli intossicare tutti buttando granate e bombe a mano. Questo fu un attacco molto lungo e i marines persero oltre 6.000 uomini prima di riuscire a completarlo.

Agli albori della battaglia, e precisamente il quinto giorno, gli americani conquistarono il Monte Suribachi. Un contingente di Marines eresse la bandiera americana sulla cima, e fu scattata una foto mentre la innalzavano. Poco dopo, James Forresta (Navy Secretary)) richiese che la bandiera fosse mandata a Washington come souvenir. Quando questa bandiera fu presa, subito ne fu piantanta una nuova. Strank, Block, Sousley, Hayes, Gagnon e “Doc” furono gli uomini assegnati ad innalzare la seconda bandiera. Quando lo fecero, il fotografo Joe Rosenthal gli fece un altro scatto. Pochi giorni dopo, lo scatto di Rosenthal fu pubblicato su tutti i giornali degli Stati Uniti. La maggior parte degli americani che vide la foto credette che la foto commemorava una grande vittoria americana, ma la vittoria fu raggiunta solo settimane dopo. Durante il prosieguo della battaglia, tre degli innalzatori della bandiera – Strank, Block e Sousley – furono uccisi senza avere il loro momento di gloria, cosa che invece gli altri ebbero.

La foto divenne uno “status simbol” in America, e il dipartimento militare realizzò che la foto poteva essere usata come potente mezzo di propaganda. In poco tempo chiese di identificare e localizzare gli uomini ritratti nella foto, ma solo Hayes, Gagnon e Doc furono identificati (gli altri erano infatti morti) e quindi portati subito negli USA per dar vita ad un massiccio tour per promuovere la guerra.

....ovviamente non vi svelo il finale....

io ho quasi pianto....ve lo consiglio è un film bellissimo.....


Premi

Flags of Our Fathers fa parte della lista dei dieci miglior film del 2006 della National Board of Review.

Eastwood ha anche guadagnato una nomination come miglior regista ai Golden Globe.

Inoltre il film è stato nominato per due Premi Oscar, ed ovvero quello per il Miglior Sonoro e per il Miglior Montaggio Sonoro.


_________________
"I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire, se Pac-Man avesse influenzato la nostra generazione, staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva. "
Kristian Wilson, Nintendo Inc. 1989


Ultima modifica di WraithLord il Ven Mar 28, 2008 11:55 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tankman

avatar

Numero di messaggi : 237
Età : 25
Data d'iscrizione : 01.12.07

MessaggioTitolo: Re: The Flags of Our Fathers   Ven Mar 28, 2008 11:53 pm

dalla descrizione sembra stupendo... lo devo vedere assolutamente Sisi

*fatto di cronaca dell' epoca* al momento fermato dalla famosa foto, l'isola non era ancora stata conquistata tutta... moriranno altri 2000 marines per finire la conquista dell' isola più importante del pacifico

_________________
SILENCE!!! I KILL YOU!!!!!

METAL WILL NEVER DIE

OH-WA-HA-HA-AO
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
WraithLord

avatar

Numero di messaggi : 253
Data d'iscrizione : 28.11.07

MessaggioTitolo: Re: The Flags of Our Fathers   Sab Mar 29, 2008 2:36 pm

la bandiera fu eretta il 5 giorno...mentre la battaglia ne durò 35!

_________________
"I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire, se Pac-Man avesse influenzato la nostra generazione, staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva. "
Kristian Wilson, Nintendo Inc. 1989
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: The Flags of Our Fathers   

Tornare in alto Andare in basso
 
The Flags of Our Fathers
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Virtual Homeland :: The Homeland's Plaza :: TV & Cinema-
Andare verso: